È cosa certa: i dati sono ormai divenuti il monopolio di una cerchia ristretta di imprese con sede negli Stati Uniti e in Cina. I loro modelli di business li obbliga a cercare profitti ovunque. Analizzano i dati che poi rivendono per scopi di bersagliamento pubblicitario. Il loro peso economico comporta un malcelato legame con il mondo della politica. Nella pratica, mentre gli scandali continuano a fare notizia, è diventato pressoché impossibile confidare in questi player per proteggere la riservatezza dei dati.

Tutto ciò solleva innumerevoli questioni, tra cui ad esempio:

  • È possibile garantire la sovranità di un servizio cloud senza avere il totale controllo dei datacenter, delle macchine e dei software preposti al trattamento dei dati?
  • Chi tratta i nostri dati ubicati fisicamente in Europa, quando migliaia di persone lavorano da un altro continente per sviluppare, correggere e aggiornare i software che li elaborano?
  • Divulgare i propri dati in cambio di un servizio cloud gratuito deve diventare irrimediabilmente la regola?
  • I professionisti devono sacrificare la riservatezza dei dati per migliorare la loro produttività con strumenti online?

A fonte di tale scenario, si impone la necessità di democratizzare Internet per renderla libera, sicura e rispettosa della privacy. Ecco perché stiamo accelerando lo sviluppo delle nostre alternative ai GAFAM e alle BATX. È in gioco la nostra sovranità digitale, l’ecologia, i nostri posti di lavoro e la nostra libertà. Scegliendo Infomaniak, invece di un player della Big Tech, contribuisci alla soluzione. Favorisci l’impiego di competenze locali, lo sviluppo di tecnologie indipendenti ed etiche. E questo fa la differenza.

1 – Un’Internet rispettosa della riservatezza e della privacy

“L’indipendenza è la garanzia fondamentale di Infomaniak. Siamo gli unici a non fare nessuna concessione su sicurezza, riservatezza dei dati e rispetto della privacy.” Boris Siegenthaler, direttore strategico di Infomaniak

Infomaniak non è quotata in borsa ed è di proprietà esclusiva dei suoi addetti e dei fondatori. Ciò significa che nessuno può decidere al nostro posto su ciò che sia prioritario o no. Sotto il profilo finanziario, come per gli aspetti restanti, siamo noi e soltanto noi a delineare il nostro cammino, sempre nel rispetto dei nostri valori e dei nostri impegni ecologici.

I nostri sviluppatori sono esperti provenienti dal mondo open source a cui siamo profondamente legati. Grazie a questi talenti umani, creiamo soluzioni in modo autonomo, senza dipendere da codici proprietari o interessi esterni. Questa indipendenza software è sicuramente una delle chiavi della sovranità dei dati, ma ci consente anche di fornire rapide risposte all’evoluzione delle tue esigenze che seguiamo sempre con grande attenzione.

Aumentiamo attivamente il nostro organico per accelerare i nostri sviluppi, in quanto la sovranità dei dati passa necessariamente dal controllo dei software. Per contrastare la carenza di sviluppatori sul mercato del lavoro, Infomaniak contribuisce alla creazione di nuove filiere di formazione finalizzate alla preparazione delle generazioni future. EPFL, CREA, Réalise o École 42: promuoviamo l’acquisizione di competenze immediatamente utili all’industria.

2 – Creare un Cloud sovrano, sicuro e attraente per tutta l’Europa

Mentre la maggior parte dei player del cloud si rivolge a provider esterni a più livelli per fornire le loro soluzioni e mantenere la propria infrastruttura, noi gestiamo direttamente tutte le operazioni legate alla nostra attività per garantire il rispetto dei nostri impegni. Datacenter, software, foro giuridico: non è possibile garantire una reale sovranità dei dati senza questi tre pilastri.

Il controllo di questa catena di trattamento dei dati comprende anche le nostre tecnologie di virtualizzazione basate su OpenStack e sviluppate dagli ingegneri di Infomaniak. Oltre a sviluppare la gran parte dei nostri servizi in Svizzera, abbiamo anche il controllo del livello software preposto alla gestione delle nostre infrastrutture cloud. Non è infatti un caso che il 70% dell’organico sia composto da ingegneri e sviluppatori.

Avendo la nostra sede in Svizzera, ci muoviamo in un quadro legale rigoroso ed estremamente stabile, con una delle legislazioni più severe in materia di riservatezza e protezione dei dati. Non ci sottomettiamo alla volontà di altri paesi e non subiamo indiscrezioni o ingerenze dirette da parte dei governi. E anche ciò, rappresenta un’ulteriore garanzia di controllo e indipendenza per i nostri utenti.

3 – Nessun compromesso sull’ambiente

L’ecologia e il clima sono i temi più importanti dei nostri tempi. In tale ambito, l’impegno e l’ambizione di Infomaniak si spingono ben oltre gli standard abituali. Dal 2007, compensiamo la totalità delle nostre emissioni di CO2 ed elaboriamo il nostro statuto etico e ambientale. Tutto questo ci stimola a ridurre al massimo il nostro impatto ambientale.

Costruire datacenter efficaci e valorizzare il calore prodotto dai server

Nel mondo virtuale, un datacenter produce elaborazione dei dati. Nel mondo reale, un datacenter produce calore. Boris Siegenthaler

Mentre altri player costruiscono datacenter che riscaldano gli oceani o realizzano impianti di 53 ettari , i nostri datacenter sono raffreddati soltanto tramite l’aria esterna filtrata, senza impianti di climatizzazione. Dal 2022, installeremo pannelli solari nei nostri datacenter, mentre a fine 2023 metteremo in funzione un datacenter che valorizzerà la totalità del calore prodotto dai server per riscaldare le abitazioni in inverno e fornire acqua calda in estate. Questa struttura corrisponde alla nostra visione di un parco di datacenter integrati in quartieri green a misura d’uomo.

Agire a 360° senza ignorare nulla

Per definizione, le misure tecniche non possono risolvere tutto:

  • compensiamo al 200% la totalità delle nostre emissioni di CO2 dal 2017 e al 100% dal 2007.
  • Prolunghiamo il ciclo di vita dei server fino a 15 anni (1 server = 1.7 tonnellate di CO2).
  • Tutte le nostre attività sono alimentate esclusivamente da energia prodotta da fonti rinnovabili.
  • Abbiamo scelto una cassa pensioni etica che non investe nella vendita di armi o nei regimi autoritari, ad esempio.
  • Promuoviamo la mobilità dolce dei collaboratori con un bonus di 1’500 franchi all’anno/collaboratore.
  • Misuriamo continuamente l’impatto delle nostre attività nel quadro delle norme ISO 14001 e ISO 50001.

L’insieme delle nostre misure ha ottenuto numerosi riconoscimenti, certificazioni e trofei.

4 – Mettere l’innovazione al servizio di un mondo digitale responsabile, etico e sostenibile

Il successo va di pari passo con la responsabilità. Frequenti sono le critiche nei confronti di imprese che trasferiscono i loro profitti a strutture ottimizzate per ridurre le tasse. Noi non lo faremo mai. Boris Siegenthaler

Stiamo attraversando un periodo cruciale che vede una rapida digitalizzazione dell’intera società (Covid). È pertanto molto importante fare la scelta giusta durante questa fase di diffusione del cloud. Per gli utenti, ciò significa affidare i dati a un’impresa che condivide i propri interessi e valori.

Scegliendo Infomaniak, potrai contare su un servizio clienti con sede a Ginevra e Winterthour con operatori formati per facilitarti la vita 7/7 in 5 lingue. Avrai quindi un interlocutore in grado di comprendere la tua situazione, di riferire i tuoi feedback direttamente ai team di sviluppatori, anch’essi operanti in Svizzera a pochi metri o chilometri. Siamo abituati a ricevere richieste specifiche, una parte del nostro lavoro viene svolto su misura per i nostri clienti.

Paghiamo le tasse in Svizzera, creiamo posti di lavoro in tutta la regione e supportiamo lo sviluppo di nuove competenze a livello locale. Non ci sono rapporti di forza o di squilibrio a favore di Infomaniak e non pratichiamo l’ottimizzazione fiscale.

Per noi, archiviare i dati in Svizzera non significa soltanto offrire più sicurezza e riservatezza. Significa scegliere un partner affidabile e accessibile, che contribuisce allo sviluppo sostenibile dell’economia regionale. Marc Oehler, CEO di Infomaniak

Difendiamo fino all’ultimo i nostri valori etici rifiutando pratiche commerciali come il Black Friday, un evento in netta contraddizione con i principi fondamentali di un’economia sostenibile. I prodotti gratuiti che proponiamo sono realmente tali (SwissTransfer, kMeet, indirizzo e-mail gratuito, kDrive gratuito, ecc.). Vengono finanziati esclusivamente tramite i nostri servizi a pagamento.

Per radicare questi principi nel tempo, abbiamo aderito alla Après-Ge, la Camera dell’economia sociale e solidale. Questa iniziativa consolida i nostri principi e ci spinge a portarli sempre più avanti. Con la Camera ci siamo ad esempio impegnati a mantenere una grande trasparenza sui nostri dati finanziari e a praticare una politica salariale equilibrata, assicurando al tempo stesso lo sviluppo di condizioni di lavoro soddisfacenti e paritarie. L’insieme di questi impegni sono una chiave in più per gli sviluppi futuri di Infomaniak.

Resteremo fedeli ai nostri principi

Lo hai capito: i nostri impegni sono proiettati nel lungo termine. Non siamo disponibili a rinunciarvi e nemmeno a diventare un player che concentra i dati di miliardi di utenti. Continueremo a sviluppare i servizi in totale indipendenza per garantire la sicurezza e la disponibilità delle tue attività online.

Grazie per i tuoi feedback, Grazie per il tuo sostegno dei nostri valori e dei nostri impegni e, soprattutto, Grazie per la fiducia e la fedeltà se sei già cliente. Puoi contare su di noi per difendere i nostri valori e restare chi siamo.

Scopri altro